TROVA
Scarica Feed RSS I Feed RSS di mytag.it
 

NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra Newsletter per ricevere gli aggiornamenti da MyTAG gratis sul tuo indirizzo di posta elettronica. INVIA
Invia ad una amico Versione per PDA Stampa questa pagina

Video Benigni Festival di Sanremo 2009: da Berlusconi ai gay. Picco audience

Show di Benigni sul palco dell'Ariston: Berlusconi, Veltroni, Mina e gli omossesuali. Le sue parole.

Redazione MyTag.it Redazione di MyTag.it - Sito web autore
Video Benigni Festival di Sanremo 2009: da Berlusconi ai gay. Picco audience

Paolo Bonolis da il via ad rinnovato Festival di Sanremo e Roberto Benigni ne risolleva le sorti. E i dati Auditel lo confermano: la serata d''apertura è stata seguita da oltre 14 milioni di spettatori con il 47,11% di share nella prima parte, con un picco di 15 milioni all’arrivo di Benigni e da 6 milioni e mezzo con il 49,51% nella seconda, con una media ponderata di 10 milioni 114mila ascoltatori e il 47,93%.

Benigni sale sul palco dell’Ariston alle 22: 30 e da il via al suo pungente monologo che dura circa mezz’ora. Acclamato, ironico e politico come sempre, questa volta il comico toscano da il meglio di sé su Berlusconi, Veltroni, Mina, gli omossessuali. “Non voglio parlare di politica e non voglio parlare di Berlusconi”, inizia così il monologo di Benigni. Ma… Berlusconi: è a lui che il comico si rivolge “Noi ti vogliamo più grande di un vero mito. Come Mina ha lasciato l''Italia e invia solo video e dischi ogni tanto, anche tu Silvio sparisci dall''Italia, su  un''isola lontanissima, in India, in Nuova Zelanda, magari insieme ad Apicella” e dice: “Mina e Osama Bin Laden sono gli unici due al mondo che non si fanno mai vedere e inviano solo video”.

Benigni accenna anche alla crisi del Pd e alle dimissioni di Walter Veltroni, esortando l''ex segretario con un nuovo slogan: ‘Rialzati Walter’. E sottolinea, “Come si fa a massacrare di battute Veltroni? Più battuto di così... Ma Valter non c’è solo la Sardegna in Italia, magari si può vincere alle Eolie”. E punge: “Berlusconi in realtà non vuole la Sardegna solo, ma la Corsica, dove ha tutti i parenti, che discendono da Napoleone”. Infine chiude difendendo l''amore omosessuale: “È una storia incredibile che va avanti da millenni. Gli omosessuali non sono fuori dal piano di Dio. Di peccati c''è solo la stupidità.

Per rendere l''idea dell''assurdità e ridicolaggine, ricordo che gli omosessuali sono stati seviziati e morti nei campi di concentramento perché amavano un''altra persona. Mettiamo che un eterosessuale si innamori focosamente di una persona dell''altro sesso, e a un certo punto lo prendono, lo torturano e lo uccidono perché si è innamorato. Tanti omosessuali sono stati torturati perché amavano un''altra persona, lasciate stare il sesso. È un''assurdità.

È incredibile che si parli ancora degli omosessuali così, con questa incredibile rozzezza. Sono persone che si amano, non è che per colpa loro finisce la razza, come dice qualcuno”. Poi legge una lettera di Oscar Wilde, indirizzata al suo amato in prigione, e ottiene un grande applauso finale che diventa una vera e propria standing ovation e riceve i ringraziamenti dell''Arcigay.  (Il video sarà online appena disponibile).
 

Autore: Redazione MyTag.it

Data di pubblicazione: 18/02/2009

Categoria: Cinema e TV - Tutti gli articoli della categoria

 

I PIU' LETTI DEL MESE

Tutte le news