TROVA
Scarica Feed RSS I Feed RSS di mytag.it
 

NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra Newsletter per ricevere gli aggiornamenti da MyTAG gratis sul tuo indirizzo di posta elettronica. INVIA
Invia ad una amico Versione per PDA Stampa questa pagina

Gianna Nannini conquista il Disco di Platino con Grazie

La Nannini ha conquistato il Disco di Platino con Grazie, che balza per la terza volta in vetta alla classifica

Michele Basso A cura di Michele Basso - Sito web autore
Gianna Nannini conquista il Disco di Platino con Grazie

Gianna Nannini ha conquistato il primo disco di platino con "Grazie". Contemporaneamente il nuovo album, co-prodotto insieme a Wil Malone, balza per la terza volta in vetta alla classifica Fimi Nielsen degli album più venduti; il tutto nonostante l'ingresso in classifica degli album di Sanremo.

Grande successo intanto anche per il 'Tour Grazie' che, apertosi con il sold out di Firenze il 19 febbraio, sta registrando il tutto esaurito anche per le altre date previste.

I prossimi appuntamenti sono il 10 marzo a Catania (Teatro Metropolitan), l'11 a Palermo (Teatro Al Massimo), il 13 marzo a Catanzaro (Teatro Politeama), il 16 a Torino (Teatro Colosseo), il 18 a Padova (Palabernhardsson), il 20 a Napoli (Teatro Augusteo), il 21 a Bari (Teatro Team), il 23 a Roma (Auditorium), il 25 e 26 a Milano (Teatro Smeraldo).

La cantante attraverso giannanannini.com/">il suo sito internet parla di sesso e amore: "Ci vogliono anni per capire la propria sessualità". E alla soglia dei 50, Gianna Nannini ne ha capite di cose. Prima di tutto che l'etichetta stupida di bisessuale non le appartiene, anche se ha avuto storie con entrambi i sessi. "Con le donne è difficile, con gli uomini è andato sempre bene", svela la cantante. Anche con quello che lei aveva scelto come padre dei suoi figli. "Ho abortito due volte, non ho più voluto riprovare".

"Alla mia età non mi ribello più. Faccio e penso come mi pare. Se provo tenerezza verso un vecchio padre che ho spesso combattuto, scrivo per lui una canzone dolce. Se mi stanco del buonismo sull'Africa e dell'ipocrisia dei concerti pacifisti, trovo i versi per dirlo", racconta Gianna Nannini all'Espresso. Una consapevolezza raggiunta con gli anni e che le ha premesso di comprendere tante cose, a partire dalla propria sessualità. "Per me è come il cibo e va vissuta naturalmente. Essere liberi significa non escludere uno dei due sessi. Non sono omosessuale. Non sono neanche bisessuale, che è una etichetta stupida che mi attribuiscono di frequente. Ho avuto esperienze sia con i maschi che con le femmine. E alla fine ho centrato il mio corpo e ho capito chi sono veramente".

Cioè una donna che è stata felice sia quando le sue storie sono state declinate al femminile, anche se "con le donne è spesso più difficile, capita che ci siano più problemi", sia quando invece lo sono state al maschile: "Con gli uomini invece è andato sempre tutto bene. Da ragazza ne avevo anche sette o otto contemporaneamente. Più tardi ho capito che si sta meglio se si è coinvolti anche emotivamente. Con l'uomo che poteva essere il padre dei miei bambini, è andata benissimo".

Perché l'artista senese, in testa alle classifiche con l'ultimo album Grazie, ha desiderato un figlio e ha tentato di diventare mamma.Ma per due volte è andata male. "Ho fatto la marcia della pace di Assisi contro la guerra del Kosovo. Ma a un mese di gravidanza, e anche se mi sentivo bene, 25 chilometri a piedi sono davvero tanti. Così ho perso il bambino. L'anno seguente è stato peggio perché‚ quando ho abortito, ero incinta di tre mesi e mezzo. Non ho più voluto riprovare".

Autore: Michele Basso

Data di pubblicazione: 09/03/2006

Categoria: Musica - Tutti gli articoli della categoria

 

I PIU' LETTI DEL MESE

Tutte le news