TROVA
Scarica Feed RSS I Feed RSS di mytag.it
 

NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra Newsletter per ricevere gli aggiornamenti da MyTAG gratis sul tuo indirizzo di posta elettronica. INVIA
Invia ad una amico Versione per PDA Stampa questa pagina

Come prevenire l'infarto: scoperta la proteina CD40L nei bambini

E' stata scoperta nel sangue dei bambini che hanno il colesterolo alto e spiana la strada all'aterosclerosi, ovvero quell'ispessimento delle pareti delle arterie che puo' provocare gravi malattie cardiovascolari

Redazione MyTag.it Redazione di MyTag.it - Sito web autore
Come prevenire l'infarto: scoperta la proteina CD40L nei bambini

E' stata scoperta nel sangue dei bambini che hanno il colesterolo alto e spiana la strada all'aterosclerosi, ovvero quell'ispessimento delle pareti delle arterie che può provocare gravi malattie cardiovascolari . E' la proteina CD40L: ora che e' stata individuata, l'obiettivo e' mettere a punto terapie che possano tenerla sotto controllo sin dall'età pediatrica, per prevenire infarti e ictus con l'avanzare dell'età.

La scoperta, pubblicata oggi sulla rivista ufficiale della Societa' americana di cardiologia (Jacc), e' frutto del lavoro delle equipe dei professori Francesco Violi e Francesco Martino, dei dipartimenti di Medicina sperimentale e Pediatria, dell'Università La Sapienza al Policlinico Umberto I di Roma.

I ricercatori hanno confrontato due gruppi di bambini riscontrando che nel primo, che comprendeva piccoli con colesterolo alto, i bimbi presentavano appunto un livello molto elevato nel sangue di una particolare proteina, la CD40L.

Ciò significa che questa proteina favorisce il ristagno del colesterolo nelle arterie che, in questo modo, vanno incontro ad un processo di infiammazione. Con il tempo, poi, questa situazione può portare a malattie cardiovascolari gravi come infarto e ictus. Ma ora che CD40L e' stata portata allo scoperto, l'obiettivo e' individuare i bambini a rischio per tenerla sotto controllo, con appropriate terapie, in modo da prevenire complicanze ed infarti nell'eta' adulta.

''Si tratta di una scoperta di grande impatto sociale - ha commentato Violi - perchè permetterà di fare prevenzione sui bambini di oggi consentendoci di avere in futuro una diminuzione degli infarti, con una conseguente riduzione dei costi per il Ssn. Insomma, curare un piccolo di 10 anni con colesterolo alto significa prevenire un suo possibile infarto a 60 anni''. Concorda Martino: ''Infarto e ictus sono malattie che si manifestano nell'età adulta - ha osservato - ma le premesse si hanno già in eta' pediatrica. Dunque, bisogna individuare i piccoli a rischio per prevenire malattie future''.

Autore: Redazione MyTag.it

Data di pubblicazione: 16/05/2007

Categoria: Salute e Benessere - Tutti gli articoli della categoria

 

I PIU' LETTI DEL MESE

Tutte le news