TROVA
Scarica Feed RSS I Feed RSS di mytag.it
 

NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra Newsletter per ricevere gli aggiornamenti da MyTAG gratis sul tuo indirizzo di posta elettronica. INVIA
Invia ad una amico Versione per PDA Stampa questa pagina

Bibite analcoliche non provocano obesità e concorrono ad una dieta equilibrata

Il messaggio è semplice: se consumate in modo equilibrato concorrono a mantenere una dieta quotidiana bilanciata

Redazione MyTag.it Redazione di MyTag.it - Sito web autore
Bibite analcoliche non provocano obesità e concorrono ad una dieta equilibrata Le bibite analcoliche riconquistano una loro dignità nel volume edito da Springer "Bevande analcoliche: piacere, libertà, responsabilità". Il libro è stato presentato ieri al Circolo della Stampa di Milano nel corso di un incontro con i giornalisti. Il messaggio è semplice: se consumate in modo equilibrato concorrono a mantenere una dieta quotidiana bilanciata.

A sostegno della tesi sul pericolo di un uso eccessivo di queste bibite, uno degli autori del libro Enrico Molinari, Professore di Psicologia Clinica alla Cattolica di Milano che ha detto: Si può ritenere che un consumo moderato di bevande analcoliche non sia di per sé dannoso per la salute e che solo l'abuso possa ricollegarsi ad alcuni problemi di salute fisici e mentali. Vanno ricercate pertanto indicazioni per un corretto consumo e per evitare l'abuso in tutte le fasce d'età."

La posizione più saggia - ha precisato Andrea Poli, Direttore Scientifico della Nutrition Foundation of Italy, che ha firmato il capitolo sul rapporto tra bevande analcoliche e salute, insieme ad altri illustri esperti - è quella di considerare che tali bevande hanno alcuni "plus" (una significativa capacità di fornire liquidi all'organismo, e quindi di idratarlo; il piacere del loro consumo, per chi ne apprezza il gusto) e alcuni "minus" essenzialmente legati all'eventuale eccesso d'uso.

È certamente vero che le bibite dolci contengono in genere zuccheri, "ma - ha puntualizzato Poli - non è lo zucchero di per sé, quanto piuttosto il suo eccessivo consumo a essere uno dei meccanismi che concorrono al sovrappeso e all'obesità. In realtà - ha precisato Poli - la responsabilità dello sviluppo del sovrappeso è distribuita in modo omogeneo tra tutte le categorie di cibi che consumiamo quotidianamente in eccesso rispetto al nostro fabbisogno calorico, in continua e netta diminuzione per la riduzione dell'attività fisica.

Autore: Redazione MyTag.it

Data di pubblicazione: 05/12/2007

Categoria: Salute e Benessere - Tutti gli articoli della categoria

 

I PIU' LETTI DEL MESE

Tutte le news