TROVA
Scarica Feed RSS I Feed RSS di mytag.it
 

NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra Newsletter per ricevere gli aggiornamenti da MyTAG gratis sul tuo indirizzo di posta elettronica. INVIA
Invia ad una amico Versione per PDA Stampa questa pagina

Gianluigi Buffon resta alla Juventus

«Ci sono 75 probabilità su cento che io resti in bianconero, fino a poco tempo fa eravamo sotto il 50%, le cose sono proprio cambiate»

Redazione MyTag.it Redazione di MyTag.it - Sito web autore
Gianluigi Buffon resta alla Juventus

Spiazza tutti anche stavolta, Gigi Buffon: «La scelta è quasi fatta, non completamente. Rispetto a due settimane fa, però, qualcosa è cambiato in meglio: se prima la percentuali erano 49 per cento resto alla Juve, 51 vado, adesso sono 75 e 25».

«La mia paura era di non saper affrontare una stagione da comprimario, in carriera non sono stato abituato a perdere due volte di fila e non voglio cominciare ora a farlo. Per questo mi serviva un progetto ambizioso in cui credere, se mi avessero detto: guarda Gigi che lotteremo per salvarci. Beh, allora me ne sarei andato».

«Cinque o sei anni fa, avrei provato invidia. Non l’ho avuta. Ho invece provato gioia e stima, per gente come Maldini, Nesta, Gattuso, Ambrosini, Pirlo, Gilardino, Inzaghi. Vedere giocatori che si abbracciavano, avvertire il senso di appartenenza di un gruppo partito tra mille difficoltà , mi ha fatto pensare. Il valore aggiunto è questo: la stima umana, il rapporto personale. L’importanza di crederci sempre, anche quando non sei favorito. In quei momenti c’è uno zoccolo duro che può farti trionfare. Per questo il loro trionfo è morale. Li stimo e vorrei fare come loro».

Invece par di capire che la società abbia stimolato i nervi giusti. Con la certezza di una campagna acquisti di livello e con la partita del cuore. È successo prima dell’addio di Deschamps: Buffon si è incontrato con Blanc e Cobolli Gigli. In un’ora sotto gli occhi del portiere è sfilata la storia della Juve e la sua.

«Caro Gigi – è stato il plot di quel filmato – sei uno dei tre portieri diventati campioni del mondo vestendo la maglia della Juve, sei tra i primi cinque bianconeri di tutti i tempi, vogliamo fare di te un simbolo».

Che abbiano sfondato il muro dei sentimenti, lo si capisce dalle parole del numero uno azzurro: «Hanno dei progetti giusti e ambiziosi. Ora non voglio fare il prezioso e nemmeno dire che pendono dalle mie labbra, non sarebbe giusto per la storia della Juve, ma questo riavvicinamento è dovuto a sentimenti e convinzione che prima non c’erano».

Autore: Redazione MyTag.it

Data di pubblicazione: 31/05/2007

Categoria: Sport - Tutti gli articoli della categoria

 

I PIU' LETTI DEL MESE

Tutte le news