TROVA
Scarica Feed RSS I Feed RSS di mytag.it
 

NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra Newsletter per ricevere gli aggiornamenti da MyTAG gratis sul tuo indirizzo di posta elettronica. INVIA
Invia ad una amico Versione per PDA Stampa questa pagina

I fondatori di Google uomini dell'anno per il Times. Come sarà Google nel 2006?

Il prestigioso quotidiano Financial Times ha stilato la consueta classifica degli uomini e delle donne dell'anno che sta per concludersi

Marcello Tansini A cura di Marcello Tansini - Sito web autore
I fondatori di Google uomini dell'anno per il Times. Come sarà Google nel 2006?

Il prestigioso quotidiano Financial Times ha stilato la consueta classifica degli uomini e delle donne dell'anno che sta per concludersi.

Se Bill Gates prende "due premi", come miglior manager dell'anno (http://www.businessonline.it/6/StrategieeManagement/803/Bill_Gat.html) e come il più importante filantropo ( insieme alla moglie ) del 2006 grazie alla propria associazione di beneficienza (http://www.businessonline.it/news/1346/Fondi%20scriv.html), sul gradino più alto del podio salgono Larry Page e Sergey Brin, definiti uomini dell'anno.

E come poteva essere diversamente, nell'anno in cui Google, dopo solo sette anni di attività, si è quotata in Borsa, raggiungendo livelli di capitalizzazione (con ottimi utili tra l'altro) uguali se non superiori ad alcune delle più importanti multinazionali del pianeta da decenni presenti a Wall Street?

Sergey Brin e Larry Page hanno appena 32 anni e solo dieci anni fa frequentavano l'università di Stanford. Provengono entrambi da famiglie di matematici e sin da bambini, così recitano le loro recenti biografie, "mangiavano" pane, computer e matematica.

La svolta, come tutti sanno, avvenne quando Page elaborò l’algoritmo che, sviluppato insieme a Brin, ha reso il loro sistema di ricerca più efficace ed immediato di quelli che erano presenti in Rete, come Altavista e Yahoo, i search-engine più utilizzati fino all'avvento di Google. Dopo pochi anni e divenuto Google il motore di ricerca più utilizzato la mondo, Sergey Brin e Larry Page erano già divenuti miliardari, ma la vera svolta delle loro vite e dell'azienda Google avviene in questo 2005, con la quotazione in Borsa, che si rivela, finora, un successo senza precedenti.
Ed è soprattutto da questo momento, che la vita dei due fondatori, come quella dell'azienda da loro creata, si trasforma in una altalena tra etica e lobby, tra "rendiamo il mondo migliore" e facciamo "salire i nostri profitti fino alle stelle".

Sergey Brin e Larry Page vivono (raccontano le loro biografie ufficiali!) ancora in due mini-appartamenti in affitto, guidano due Toyota «Prius» con motore ibrido benzina-elettrico, girano (come gli altri dipenditi di Google) in azienda in jeans e maglietta, ma non si sono negati l'acquisto di un Boeing 767 da 250 posti con la scritta "Google" ben impressa. (http://www.businessonline.it/news/846/Google_Air_One.html).

La filosofia aziendale di Google è "non fare del male", ma ha dovuto raggiungere accordi con le autorità cinesi, eliminando contenuti in odore di censura dal suo motore di ricerca, per poter essere accolti dal gigante asiatico.

Sergey Brin e Larry Page, in una recente intervista, dicono, lasciando attoniti, di non essere completamente soddisfatti del lavoro fin d'ora svolta e spiegano in questo modo i continui lanci di nuovi servizi come la posta elettronica targata Google ( GMail ), le mappe di Google ( Google Maps ), le connessioni gratuite cittadine a banda larga tramite wi-fi e il grandioso progetto di una moderna biblioteca d'Alessandria d'Egitto digitale con racchiuso tutto il sapere del mondo. E sono progetti che, oltre ad essere, spesso, molto utili stanno dando lavoro a tantissime persone, con una media di 10 nuovi assunti al giorno soprattutto ingegneri, matematici e specialisti di Internet.

Ma accanto a queste note positive, di imprenditoria sana che investe buona parte del denaro che guadagna, iniziano ad apparire "segnali grigi" come l'accordo con AOL appena concluso (google-compra-quota-aol.asp" target="_blank">http://www.webmasterpoint.org/speciale/2005dic22-google-compra-quota-aol.asp)e, si dice sottovoce, accordi ed amicizie con alcune potenti lobby di Washington.

Sergey Brin e Larry Page perdono, dunque, la loro verginità? Sicuramente, per alcuni grandi media, stanno perdendo un pò della loro innata simpatia giovanile, basta leggere alcuni titoli di giornale come "Era il nostro fratello, sta diventando il Grande Fratello" o "Big Google può essere peggio di Big Oil" (ovvero peggio del cartello dei petrolieri amercani...). Certo, è inevitabile raggiunto un tale successo dover scendere ad accordi e compromessi, ma la vera paura di molti ( anche dei media ) è che Google non si fermi più e con la valanga di soldi di cui dispone continui ad investire in nuovi campi sottraendo business agli attori già presenti.

Molti analisti lo escludono, tra cui il sottoscritto (che non può vantarsi di essere un analista, ma comunque esprimo anche io la mia opinione...) in quanto entrare continuamente in nuovi business sarebbe un grave errore per Google che andrebbe proprio contro coloro che continuano ad acquistare pubblicità sul suo motore di ricerca e sul suo network di siti, con un potenziale incredibile effetto boomerang sulle proprie entrate pubblicitarie, le uniche per il momento, insieme alla fiducia degli investitori, a portare soldi reali (e tanti soldi!) nella casse di Google.

Cosa sarà il 2006 per Google e i sue due giovani fondatori? Forse, Sergey Brin e Larry Page lanceranno il tanto atteso Gbrowser, un nuovo sistema operativo e anche una suite di strumennti online concorrente ad Office di Microsoft per dare l'assalto al colosso di Bill Gates.

Ma in termini economici, potrà davvero convenire? Quante sono le aziende che hanno fatto tali investimenti su Windows e Office all'interno delle loro strutture IT che non possono più tornare indietro? Inoltre, occorre sottolineare che finora con i browser nessuno ci ha mai realmente guadagnato e questo Microsoft ben lo sa.

Forse, le mosse poco prima citate, verranno fatte da Google, solo se Microsoft (che con la pubblicità è cliente di Google!) entrerà, come si dice ormai da due anni, pesantemente nel mondo dei motori di ricerca, cercando realmente di rompere le uova del paniere a Google...

Ma altrimenti avrebbe realmente senso di farsi guerra? Non c'è posto per due alla grande tavola di Internet? Ritorniamo sempre all'altalena tra la verace e genuina voglia di conquistare il mondo di Sergey Brin e Larry Page e il business reale, composto anche da equilibri che prima di decidere di modificare occorre pensarci su molto bene...

Autore: Marcello Tansini

Data di pubblicazione: 23/12/2005

Categoria: Tecnologie e Internet - Tutti gli articoli della categoria

 

I PIU' LETTI DEL MESE

Tutte le news