TROVA
Scarica Feed RSS I Feed RSS di mytag.it
 

NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra Newsletter per ricevere gli aggiornamenti da MyTAG gratis sul tuo indirizzo di posta elettronica. INVIA
Invia ad una amico Versione per PDA Stampa questa pagina

Sms ed e-mail sono più dannosi di uno spinello?

E' questa l'incredibile risultato di una autorevole ricerca commissionata dalla Hewlett Packard per valutare l'impatto delle tencologie sulla produttività e la prontezza dei propri dipendenti

Marcello Tansini A cura di Marcello Tansini - Sito web autore
Sms ed e-mail sono più dannosi di uno spinello?

E' questa l'incredibile risultato di una autorevole ricerca commissionata dalla Hewlett Packard per valutare l'impatto delle tencologie sulla produttività e la prontezza dei propri dipendenti.

L'indagine condotta dall'Istituto di psichiatria dell'Università di Londra rivela che a causa di un uso "sfrenato" della tecnologia si possono perdere momentaneamente fino a dieci punti del proprio Quoziente Intellettivo, esattamente la metà di quello che si perde fumando uno spinello.

Ma non solo: l'eccessivo uso della tecnologia può provocare dipendenza e una diminuzione della normale lucidità mentale.

Ben il 61% del campione intervistato ha ammesso di di scaricare la propria posta elettronica numerose volte al giorno per cercare di rispondere il prima possibile alle proprie e-mail e il 21% degli intervistati interromperebbe una riunione o un incontro per sbrigare la corrispondenza elettronica.

Sempre per colpa delle e-mail e degli sms sembrerebbe, inoltre, che anche durante le vacanze non ci si riesca a staccare completamente dalla proprie attività, con un aumento dello stress e della stanchezza mentale.

"Si tratta di un fenomeno in fortissima espansione - ha spiegato il dottor Glenn Wilson, dell'Università di Londra - Abbiamo scoperto che l'info-mania, se trascurata, è destinata a danneggiare la qualità del lavoro di migliaia di persone, riducendone la lucidità mentale. Le società del settore dovrebbero invitare i propri clienti ad un uso più equilibrato e appropriato".

Le parole del dottor Glenn Wilson e i dati sopra esposti di questa nuova ricerca non possono meravigliare chi lavora nel settore informatico: è un modo di lavorare (e di vivere!) che colpisce tutti noi, chi più, chi meno a seconda dei momenti e dei periodi.

Ma, quello che si è visto finora in Italia è solo la punta dell'iceberg: basta aggirarsi in qualsiasi ufficio o metropolitana di Londra o di Tokio (città dove sono disponibili collegamenti wi-fi ovunque e la stragrande maggioranza delle persone possiede un cellulare, console o palmare di ultimissima generazione) per capire davvero in cosa consiste lo stress da tecnologia, che inevitabilmente arriverà anche in Italia!

Autore: Marcello Tansini

Data di pubblicazione: 02/08/2005

Categoria: Tecnologie e Internet - Tutti gli articoli della categoria

 

I PIU' LETTI DEL MESE

Tutte le news